Home / Gossip e TV / Fabrizio Corona: le confessioni sul carcere, il figlio e Giulia Provvedi!

Fabrizio Corona: le confessioni sul carcere, il figlio e Giulia Provvedi!

Dopo due anni di silenzio Fabrizio Corona decide di mettersi a nudo e racconta l’inferno vissuto durante questa triste vicenda giudiziaria che lo ha messo in ginocchio. Il dolore vissuto quando è stato portato via sotto gli occhi del figlio Carlos e la fine della relazione con Silvia Provvedi non hanno però cancellato quella “fame di vita” che ha sentito subito dopo essere uscito dal carcere! Ecco i dettagli!

Fabrizio Corona definisce la sua vicenda giudiziaria una guerra personale e ritiene di essere vittima della mala giustizia. Ma il carcere, nonostante lo abbia segnato, non ha portato via l’amore per il suo lavoro, che ha ricominciato non appena fuori dalle sbarre. E’ l’unica cosa che fa sentire vivo Fabrizio, oltre ovviamente al figlio Carlos, ed è stato proprio questo a far entrare in crisi la relazione con Silvia Provvedi. Vediamo tutti i particolari!

La sua vita spesa tra lavoro ed eccessi, ma Fabrizio Corona sente di essere un perseguitato!

La vicenda giudiziaria di Fabrizio Corona è sicuramente molto singolare e come egli stesso afferma, andare in galera per un reato fiscale, è davvero ridicolo! “Quei soldi trovati nel controsoffitto erano lì da marzo 2012”, dice Fabrizio, “Rappresentavano l’unica ancora di salvezza in caso di una condanna molto lunga da scontare. Erano la pensione per mio figlio. Sì, è un reato, ma sa di che tipo? Un reato fiscale, per il quale nessuno è stato mai arrestato o è finito in galera. Solo il sottoscritto, che negli ultimi sei anni ha pagato quasi 10 milioni di euro di tasse, carte alla mano”. Corona non smentisce di avere avuto una vita sregolata, fatta di eccessi, ma sente di essere vittima della mala giustizia. E più del carcere, il dolore più grande è stato quello di essere portato via sotto gli occhi del figlio Carlos. “Sono venuti dieci uomini a prendermi con modi bruschi, come se fossi uno dei peggiori criminali. Tutto sotto gli occhi di mio figlio. L’ho guardato e gli ho detto: “Papà ce la farà”. Il rumore del cancello del carcere di San Vittore ha segnato il ritorno a quell’inferno, un incubo dal quale finalmente è uscito e sta cercando di rimettere insieme i pezzi della sua vita.

La sua fame di vita mette fine alla relazione con Silvia Provvedi!

Se il lavoro e le vicende giudiziarie hanno fatto vivere momenti rocamboleschi a Fabrizio Corona, la sua vita privata non è stata meno movimentata. Due grandi amori alle spalle, Nina Moric, con cui ha avuto Carlos, e Belen Rodriguez, a cui oggi vuole un gran bene, poi la storia con Silvia Provvedi, la donna che lo ha salvato dalla depressione e dal baratro in cui stava sprofondando. Un amore pulito, vissuto alla luce del sole, un bagliore di speranza che lo aveva fatto uscire dal tunnel della disperazione. Eppure, non appena fuori dal carcere, Fabrizio sente una molla scattare dentro di lui e la sua attenzione, più che per la fidanzata Silvia, corsa ad abbracciarlo, sono le luci dei paparazzi! Con grande dispiacere afferma: “Silvia Provvedi non mi ha mai abbandonato. Ha rinunciato alla sua vita, per vivere la mia. Ma con lei ho sbagliato. Sono uscito dal carcere, è corsa ad abbracciarmi, io ho guardato fotografi e cameraman. Le uniche parole che ho detto dinanzi a una fan che urlava ‘Corona, sei un mito’, sono state ‘lo so’. Mi spiace, ma avevo da subito fame di vita. E non degli abbracci di Silvia”. Il re dei paparazzi è tornato!

E voi, che ne pensate di Fabrizio Corona? Riuscirà a lasciarsi alle spalle le brutte esperienze vissute e a ricominciare una nuova vita con quella professione che lo ha reso celebre? A voi commenti!

Commenta con Facebook

Guarda Anche

ken umano vs costanzo

Rodrigo Alves, il Ken Umano attacca Maurizio Costanzo. Il botta e risposta!

Cosa sta accadendo tra il ken umano, Rodrigo Alves e Maurizio Costanzo? Al giornalista romano non era andato giù l'ingresso dell'uomo di plastica nella casa del Grande Fratello. Il botta e risposta tra i due uomini.