Addio a Gina Lollobrigida
Addio a Gina Lollobrigida

Addio a Gina Lollobrigida: Il Mondo del Cinema in Lutto!

All’età di 95 anni, si é spenta Gina Lollobrigida. Al momento non si conoscono le cause del decesso. Icona di fascino e bellezza del cinema italiano tra gli anni ’50 e 60, per anni é stata la maggiore antagonista di Sophia Loren. Ecco tutti gli aggiornamenti!

Gina Lollobrigida é morta all’età di 95 anni: l’annuncio della famiglia

Lutto nel mondo del Cinema. Poche ore fa, è giunta la notizia della scomparsa di Gina Lollobrigida. La grande diva italiana e internazionale aveva 95 anni. Sono stati il figlio Milko e il nipote Dimitri a darne il tristo annuncio. La famiglia, in questo momento di grande dolore, ha chiesto da parte dei media il massimo rispetto. Solo in seguito, i famigliari daranno ulteriori dettagli e informazioni. Nata a Subiaco in provincia di Roma nel 1927, la Lollobrigida, per tutti quanti la Lollo, é stata una delle attrici più importanti della sua generazione, insieme a Sophia Loren. Ha contribuito a creare l’immagine della diva italiana che, da sex symbol degli anni 50, si é saputa trasformare in una star internazionale. La consacrazione come diva, fu nel 1953, con il film di Luigi Comencini Pane, amore e fantasia. Ha lavorato con i più grandi registi e attori italiani e internazionali, come Vittorio De Sica, Mario Monicelli, Pietro Germi e Mario Soldati, Sean Connery e Humphrey Bogart. Nel suo palmares, tantissimi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe per il film Torna a settembre, sette David di Donatello, una stella sulla Hollywood Walk of Fame. Dopo essersi allontanata dal Cinema, la Lollo si era dedicata alla fotografia, al disegno e alla scultura. Una passione che aveva sin dalla gioventù.

Gina Lollobrigida tra carriera e vita privata

Forse non tutti sanno che la Lollobrigida mosse i primi passi nel mondo dello spettacolo grazie a Miss Italia. Era il 1947 quando arrivò seconda al famoso concorso di bellezza. Era l’anticamera per il grande successo e la grande popolarità che da lì a poco riuscì a conquistare e che l’ha accompagnata fino ai giorni nostri. Insomma, un mito, una diva, elogiata sia per la sua bellezza che per il suo grande talento. Questa era Gina Lollobrigida. La sua vita privata, nonostante i successi professionali, non é stata priva di traumi. Giovanissima, sposò un medico sloveno, con il quale rimase ben 20 anni e da cui ebbe l’unico figlio Milko Skofic. Solo qualche anno fa, la Lollo fece una confessione che lasciò basiti tutti quanti. Quando aveva solo 18 anni, fu stuprata da un calciatore. Un trauma che riuscì a superare proprio grazie al matrimonio con Skofic. Nel 2006, all’età di 79 anni, la Lollobrigida finì al centro delle cronaca rosa per il matrimonio a sorpresa con Javier Rigau, un imprenditore spagnolo di 45 anni. Solo dopo, si scoprì che l’uomo l’aveva sposata con l’inganno. Una brutta vicenda che finì in tribunale. Come accennato, la famiglia non ha divulgato le cause del decesso di Gina Lollobrigida. Di certo negli ultimi mesi, la sua salute stava preoccupando parecchio. Solo qualche mese fa, era stata ricoverata in una clinica romana a seguito di una caduta domestica. In quell’occasione, si era fratturata un femore ed era stata costretta a subire un intervento chirurgico. Con la morte della grande diva italiana, di certo si ritornerà a parlare del suo patrimonio e della sua eredità. Un argomento che, qualche anno fa, aveva fatto discutere parecchio. Ricordiamo infatti la diatriba tra il figlio Milko e l’assistente della madre Andrea Piazzolla, accusato proprio da Skofic di aver sottratto ingenti beni alla madre nel corso degli anni. Staremo a vedere cosa succederà. Per il momento non ci resta che rivolgere un pensiero e una preghiera alla nostra Lollo. Riposa in pace Gina.

Commenta con Facebook

Check Also

Delitto Garlasco Alberto Stasi

Delitto di Garlasco: Alberto Stasi E’ Innocente? Emergono Nuove Prove…

Alberto Stasi continua a gridare la sua innocenza. L'uomo è in carcere con l'accusa di aver assassinato la fidanzata Chiara Poggi nell'agosto del 2007. Condannato a 16 anni di carcere, Stasi e i suoi legali stanno cercando di far riaprire il caso. Si chiede una revisione del processo, per dimostrare l'innocenza dell'uomo. Tutto a fronte di nuove elementi emersi nel corso delle indagini difensive. Ecco gli aggiornamenti sul caso!