Home / Gossip e TV / L’Intervista: il Racconto Straziante di Loredana Bertè a Maurizio Costanzo!

L’Intervista: il Racconto Straziante di Loredana Bertè a Maurizio Costanzo!

A l’intervista di Maurizio Costanzo ospite Loredana Bertè, regina indiscussa del rock italiano ripercorre episodi salienti della sua vita, dalle privazioni affettive e alimentari dell’infanzia colpa di un padre padrone, allo struggente ricordo della sorella “Mimì”.

Ospite in seconda serata nel talk show di Mediaset L’intervista presentato da Maurizio Costanzo, una delle artiste del panorama della musica italiana più eccentrica, ma anche eclettica e innovativa. Una donna che negli anni ha spesso suscitato polemiche dettando stili e tendenze spesso controverse sia in campo artistico, musicale, personale e di moda, Loredana Bertè.

Classe 1950 la regina del rock italiano Loredana Bertè dalla spiccata personalità e dal tono graffiante dopo i grandi successi de “La luna bussò”, “In alto mare”, “Non sono una signora” a 13 anni dal suo ultimo album di inediti è ritornata nel panorama musicale più in forma e piena di rabbia e grinta, negli ultimi mesi con il suo ultimo successo “Non ti dico no” e il suo album “LiBertè”.

Fortemente discussa anche per le vicissitudini personali Loredana Bertè vanta una brillante carriera musicale, vendendo più di 7 milioni di dischi al mondo. Ospite a L’intervista con un look che non passa di certo inosservato, interamente vestita di scuro, stivaletti in pelle nera ed eccentrici capelli blue elettrico, Loredana Bertè ripercorre la propria vita raccontandosi a cuore aperto al pubblico di canale 5. La star dall’inequivocabile look si mostra in un intimo incontro scandito da immagini che evocano la sua brillante carriera artistica e personale. Un vero talento del rock italiano che si mette a nudo di fronte al suo amato pubblico, che nonostante l’assenza dal mondo discografico italiano da oltre un decennio dimostra l’amore verso la cantante facendo schizzare l’album in vetta alle classifiche italiane. Dimostrazione della grande dedizione al lavoro e alla passione verso la musica della cantante, che tiene a sottolineare durante l’intervista di Maurizio Costanzo quanto sia importante per lei il suo pubblico, la sua musica, e il suo palco, dal quale trae l’ispirazione divenendo la sua valvola di sfogo dove riesce ad essere tutto quello che vuole essere.

Durante l’intimo incontro one-to-one con l’artista, Maurizio Costanzo all’interno del cubo rosso propone immagini rappresentative della vita della cantante.

Loredana Bertè a l’Intervista: La regola del niente: l’infanzia e le privazioni

Ad aprire l’intervista le immagini dell’infanzia della star, che visibilmente commossa racconta come aveva trascorso gli anni dell’innocenza tra fame e rigidità affettive. Il padre della cantante era un preside di una scuola, il classico padre padrone, mentre la madre si era sposata all’età di 15 anni, secondo il racconto era la quinta figlia e non una vera madre, data la tenera età. Continua raccontando che a casa vigeva la regola del niente, poco cibo tanto da patire quasi la fame, nessuna festa né per i compleanni né per i natali. Confessa poi la sofferenza e le dure scene alle quali è stata costretta ad assistere, come il ricordo della madre che veniva picchiata dal padre durante i mesi di gestazione, immagini che lasciano una profonda ferita che mai si potrà rimarginare. Dalla disperazione tra le mura di casa, alla fuga a soli 13 anni per sfuggire dalla pesante situazione casalinga, nella speranza di una vita migliore insieme alla sorella Mimì, con la quale viveva in simbiosi. Loredana racconta poi la fame avvertita, e un bar che regalava alle due sorelle dei tramezzini, gesto che non potrà dimenticare.

Loredana Bertè; Lo straziante ricordo della sorella Mimì

Loredana Bertè parla poi con struggente dolore della prematura e del tutto inaspettata scomparsa della sorella Mia Martini. Durante l’intervista Maurizio Costanzo chiede a Loredana se esiste un giorno in cui il suo pensiero non sia rivolto alla sorella, la Bertè tra le lacrime declama l’affetto per la sorella e il rimorso per non averle dimostrato abbastanza l’amore che prova. La cantante continua dicendo che Mia Martini fosse una pazza che agiva impulsivamente senza riflettere, e di non aver mai conosciuto una persona con la stessa follia, e che il dolore per la sua perdita lo proverà fino alla fine dei suoi giorni, ha sottolineato poi che quando era morta è venuta a mancare anche una parte di sé.

Dal matrimonio con Borg ai mancati figli puro sangue svedesi

La poliedrica cantante racconta poi del matrimonio con Borg tramite il quale ha provato l’amore vero, e che dopo la separazione avvenuta ben 25 anni fa, ad oggi si sente casta e pura visto che nel corso degli anni non ha avuto alcuna relazione affettiva. Aggiunge poi di aver sposato Borg per riuscire ad avere dei figli, ma che dopo 4 anni di matrimonio, lo stesso Borg con la complicità della madre si rifiutò di avere dei figli da lei, in quanto convinto che i suoi eredi sarebbero dovuti essere esclusivamente di puro sangue svedese.

Il periodo americano e l’amicizia con Andy Warhol

La Bertè racconta che il periodo americano è stato una manna dal cielo dal punto di vista discografico, grazie all’amicizia con Andy Warhol. Conosciuto in quanto aveva scambiato la rock star per la barista di Fiorucci sulla 53esima, ma la Bertè era la madrina di tutti i Fiorucci aperti nel mondo, e non appena arrivava Andy Warhol ordinava alla cantante caffè o cappuccino.

Maurizio Costanzo durante l’intervista indaga se ci fosse stata dell’intimità tra i due artisti, ma la cantante dichiara che non c’era assolutamente del sentimento tra i due, che amavano ballare insieme, e soprattutto che lei era chiamata ad intrattenere gli ospiti, una tuttofare che preparava gustose ricette della cucina italiana per Andy Warhol, grande amante delle ricette della tradizione italiana. Insiste poi Costanzo chiedendo a Loredana Bertè se fosse la signora Warhol, ma la cantante risponde prontamente dicendo che lei era l’amica che riusciva a capirlo perfettamente, e che veniva chiamata “Pasta Queen” da Warhol per il quale cucinava deliziosi manicaretti. Artisticamente preferite le canzoni di Mia Martini o Loredana Bertè? A voi i commenti!

Commenta con Facebook

Guarda Anche

fabrizio corona confessione

Fabrizio Corona: le confessioni sul carcere, il figlio e Giulia Provvedi!

Dopo due anni di silenzio Fabrizio Corona decide di mettersi a nudo e racconta l’inferno …