Home / Gossip e TV / C’è Posta Per Te: Protagonista Condannato per Tentato Omicidio!

C’è Posta Per Te: Protagonista Condannato per Tentato Omicidio!

C’è Posta Per Te: Emanuele si rivolge a Maria per riconquistare Alessia ma lei non lo fa parlare e chiude la busta. Epilogo tragico, quanto inaspettato, della storia dopo le registrazioni della puntata.

C’è Posta Per Te: Alessia viene invitata da Maria De Filippi con la classica busta. Accetta l’invito e si presenta in studio ma quando scopre chi l’ha mandata a chiamare chiede subito che venga chiusa.

E’ di qualche ora fa una notizia di cronaca che riguarda anche il famoso programma del sabato sera di Maria De Filippi, C’è Posta Per Te. Emanuele Colurcio, un giovane napoletano, è stato condannato a 8 anni per tentato omicidio. Ha, infatti, accoltellato il nuovo fidanzato della sua ex. Ma cosa c’entra questa storia con Queen Mary? Scopriamolo subito. Nel 2016 Emanuele contatta Maria De Filippi e le chiede aiuto per riconquistare la sua fidanzata, Alessia. Come da prassi il giovane conosce Maria, racconta le sue vicende e confida il desiderio di voler riconquistare la sua amata. Prepara anche un video da mostrare alla giovane in trasmissione. Qualcosa non va come si aspettava. La ragazza, infatti, nonostante si presenti regolarmente in trasmissione accettando l’invito, decide di non parlare con Colurcio anzi di chiudere direttamente la busta. Questo gesto, ovviamente, non viene preso bene da Emanuele che deluso e amareggiato vede esplodere tutta la rabbia fino ad allora repressa. Dopo qualche giorno dalle riprese della puntata, infatti, succede l’imprevedibile. E’ un sabato sera e Alessia si trova in giro con il suo nuovo fidanzato, Domenico De Matteo. Non si accorgono, però, di essere pedinati da Emanuele il quale li raggiunge e inizia subito una discussione con la coppia. Fin qui non ci sarebbe nulla di strano anche se si tratta di un gesto, quello del pedinamento, comunque già di per sé inquietante. La situazione tra i giovani degenera quando Colurcio estrae un coltello e ferisce gravemente Domenico, forandogli l’intestino, che finisce dritto all’ospedale in condizioni molto serie. L’ex fidanzato di Alessia viene di lì a poco trovato e arrestato e con un rito abbreviato condannato a 15 anni di carcere in primo grado con anche l’aggravante dei futili motivi.

C’è Posta Per Te: Dopo tre anni la condanna definitiva ad 8 anni per tentato omicidio ai danni di Emanuele.

All’epoca la storia non venne neanche mandata in onda da Maria De Filippi e da Mediaset, proprio per il violento ed inaspettato epilogo della stessa. I capi d’accusa che riguardarono Emanuele e che favorirono il rito abbreviato, oltre ai futili motivi, furono detenzione d’armi in luogo pubblico, stalking e persecuzione nei confronti di Alessia. Come spesso accade l’avvocato del giovane, Andrea Scardamagno, presenta ricorso in Cassazione contro la sentenza a sfavore del suo assistito. Il legale riesce a far decadere le aggravanti e quindi la sentenza si trasforma in condanna per tentato omicidio premeditato a 8 anni di carcere. Una brutta storia dalla quale emergono alcuni elementi distintivi della società attuale, ovvero la superficialità dei sentimenti e la loro errata interpretazione soprattutto nelle relazioni. “Farò anche a te quello che ho fatto a lui”, è questo uno dei messaggi che Emanuele ha mandato ad Alessia nelle ore successive all’aggressione. Un’ondata di odio incontrollata che lascerà, oltre alle conseguenze fisiche, anche strascichi psicologici in tutti i suoi protagonisti e anche per molto tempo, se non addirittura per sempre!

Commenta con Facebook

Guarda Anche

pamela prati news

Pamela Prati: Le Bugie sul Padre, Ecco Cosa ha Raccontato!

Che cosa sanno i telespettatori italiani circa il padre di Pamela Prati? La showgirl sarda ha sempre detto che fosse un ballerino di flamenco, ma siamo proprio sicuri? Ecco le ultime sconcertanti scoperte sul caso!